Rabat

Rabat, la capitale del Marocco, è una moderna città lungo la costa occidentale del Paese che si affacciata sull’oceano Atlantico. Oltre ad essere la sede del Governo marocchino, Rabat è il centro principale della cucina tradizionale e dell’architettura della nazione, un vero e proprio gioiello dove gli edifici coloniali, i viali adornati dalle palme e l’atmosfera cosmopolita rendono la città una meta imperdibile durante il vostro viaggio in Marocco.

Dopo Casablanca, Rabat è la città più grande del Paese, famosa per i monumenti storici, i tappeti di lusso e i ricami: la Medina di Rabat è pittoresca e caratterizzata dai classici vicoli stretti e acciottolati, gallerie d’arte e numerosi negozi ma in più regala una splendida vista sull’oceano Atlantico.

Monumenti fenici, romani, della dinastia degli Almohadi e della dinastia berbera di Merinide raccontano la lunga storia di Rabat. Sorprendenti la Muraglia degli Andalusi che protegge la zona meridionale della Medina, costruita nel 1600 in argilla, e la città vecchia, più schematica rispetto alle altre Medine, dove la rue Souika, che conduce alla Grande Moschea e al souq di calzature di Es Sebat, è il centro nevralgico.

Nella Ville Nouvelle si trovano degli alberghi moderni molto belli, costruiti dai francesi, oltre ad un gran numero di ottimi ristoranti, locali e pub. La disponibilità degli Hotel è limitata quindi durante i periodi di festa è consigliabile prenotare in anticipo.

A Rabat ci sono tanti ristoranti e locali, soprattutto nell’area della Medina, economici e con un’ottima qualità dei piatti. Nella Ville Nouvelle troverete soprattutto cucine marocchine e francesi di ottima qualità nonchè alcuni ristoranti orientali.

L’aeroporto di Rabat si trova a 7 chilometri a nord della città ma è piccolo e principalmente è servito da voli nazionali.

Cosa vedere a Rabat

Sono molte le attrazioni turistiche di Rabat, città che non deluderà il viaggiatore. Molto più rilassata e tranquilla rispetto ad altre città del Marocco, Rabat riesce a coniugare un’atmosfera cosmopolita con elementi storici e architettonici di grande interesse.

Collocata tra il mare ed il fiume, la Medina di Rabat è piccola ma presenta dei bei edifici bianchi ed è ricca di caffè e negozi di artigianato marocchino tra cui meritano una sosta quelli di tappeti berberi e di tessuti. Per accedere alla città vecchia oltrepassate le porte Bab El Alou e Bab El Had che fendono la cinta muraria del XII secolo, lunga 5 chilometri e 263 metri, e recatevi verso ovest fino alla Kasbah degli Oudaïa e alla Moschea di Makki.

La porta Bab Oudaia è famosa per il suo arco composto da 3 modelli differenti mentre la porta Bab Rouah, conosciuta anche con il nome di Porta dei Venti, colpisce per la maestosità dei suoi 28 metri di lunghezza, 12 di altezza e 27 di profondità.

Il viale Hassan II separa la città nuova della Medina. La torre di Hassan faceva parte di una grande moschea costruita a partire del 1195 e distrutta dal terremoto del 1755. Non lontano si trova il Mausoleo di Mohammed V, decorato finemente con pietra lavorata e piastrelle di ceramica.

Il Museo Archeologico di Rabat è probabilmente il più importante del suo tipo in Marocco. Le collezioni comprendono reperti che risalgono al Paleolitico e al Neolitico: particolarmente interessanti sono le sculture di bronzo di epoca preromana.

Alla periferia di Rabat si trovano i resti della necropoli di Chellah, ultima dimora dei sovrani della dinastia dei Merinidi. Protetta da mura imponenti e sormontata da un minareto in pietra, tanto da ricordare una Medina, all’interno della Chellah si trovano anche le rovine dell’antica città romana di Sala, risalente al 200 a. C., di cui sopravvivono un arco di trionfo e le terme. Nei giardini si trovano le elaborate tombe medievali. Il periodo migliore per visitare i giardini di Chellah è la primavera quando i fiori inondano letteralmente l’area.

Dintorni di Rabat

Nel corso del vostro soggiorno a Rabat, ritagliatevi un po’ di tempo per andare alla scoperta dei tesori che si trovano nei suoi dintorni come, per esempio, il complesso di Poitiers, un moderno edificio lungo la strada per Fez e Meknes dove un centinaio di esperti vasai creano splendidi oggetti artigianali di ceramica lavorati al tornio a pedali.

Altra meta imperdibile sono i Jardins Exotiques, tra i più grandi e bei giardini del Marocco, a 20 chilometri da Rabat, sulla strada per Kenitra, dove potrete ammirare centinaia di piante esotiche, provenienti da Cina, Asia meridionale, Brasile, Congo, Giappone, Brasile e Polinesia, suddivisi in 14 sezioni, e uccelli, pesci e rettili.

Che dire poi delle spiagge che si trovano nelle vicinanze di Rabat? Incontaminate e pulitissime benché molto frequentate come Temara plage, a 13 chilometri verso sud, e Plage des Nations, a 17 chilometri a nord, dove potrete anche soggiornare alcuni giorni in splendidi resort.

La foresta Mamora infine, vicino a Rabat, ospita alberi da sughero, boschi di pini, peri ed alberi di eucalipto. La foresta rappresenta un paradiso per miriadi di specie di uccelli e di animali e per gli amanti della natura.

Dove dormire a Rabat

Nella vecchia Medina di Rabat troverete numerose strutture dove dormire anche se le dimore esclusive, i riad, sono pochi e le sistemazioni sono soprattutto economiche e spartane. Gli alberghi di categoria elevata, numerosi in città visto il numero elevato di viaggiatori d’affari, si trovano nel tratto della Nouvelle Ville che va da Ave Mohammed V a Ave Abderrahman.

Le grandi catene alberghiere internazionali non lasciano spazio al carattere autentico del Marocco ma garantiscono uno stile raffinato e un servizio eccellente. Per assaporare un po’ di ospitalità marocchina cercate di soggiornare nelle poche guest-house, strutture incantevoli ma con pochissime camere e la disponibilità veramente limitata!

Dove si trova Rabat

Vedi gli Hotel in questa zona
Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 4.6 su 33 voti

Località nei dintorni

Condividi