Viaggiatori Gay in Marocco

Il Marocco ha una cultura maschilista, con rigidi ruoli di genere, e malgrado l’omosessualità sia considerata reato, con pene detentive fino a tre anni, più una multa per “atti osceni o innaturali con un individuo dello stesso sesso”, il Marocco è una destinazione popolare per i viaggiatori gay.

In realtà la tolleranza è alta visto anche l’enorme quantità di denaro che giunge nelle tasche marocchine dai turisti e alcune delle tribù berbere come gli Atlas Chleuh per esempio, sono noti perché particolarmente tolleranti verso il comportamento omosessuale. Il lesbismo è relativamente raro e sicuramente non riconosciuto, in quanto viene ritenuto una debolezza della donna.

Nel corso del vostro viaggio in Marocco si raccomanda discrezione, evitando manifestazioni pubbliche di affetto in quanto ciò è malvisto anche da una coppia eterosessuale. Le destinazioni gay friendly sono Tangeri e Marrakech dove vivono numerose coppie francesi gay.